Era una notte buia e tempestosa Eternal sunshine of the spotless mind Guardare

Il giardino delle vergini suicide (1999)- a cura di Bebe Rebozo

Il giardino delle vergine suicide

“It would be so fine to see your face at my door
Doesn't help to know you're just time away”

Sofia Coppola, figlia di Francis Ford Coppola, dopo aver esordito nel cinema come attrice nei film del padre si è dedicata alla sceneggiatura e alla regia. Con titoli come “Lost in translation” (2003), “Somewhere” (2010, vincitore a Venezia) e “Bling ring” (2013) la Coppola ha rivelato una poetica personale ed originale tale da farne un punto di riferimento per i nuovi autori indipendenti. Il suo debutto dietro la macchina da presa è del 1999 con “Il giardino delle vergini suicide”, tratto dal romanzo di Jeffrey Eugenides.

In un quartiere di periferia di Detroit a metà degli anni Settanta vivono le cinque sorelle Lisbon insieme ad una madre bigotta e autoritaria e ad un padre, professore di matematica, che parla con le piante. I ragazzi del vicinato vivono nel culto delle belle e bionde sorelle adolescenti. La vita di quartiere è scossa dal tentato suicidio della più piccola delle sorelle. Una malattia che colpisce gli alberi preannuncia un evento ancor più tragico…

Il giardino delle vergini suicide

Lo sguardo magnetico della ribelle Lux

Il film appare immerso in una dimensione malinconica fuori dal mondo e dal tempo, la stessa condizione nella quale si trovano le sorelle Lisbon condannate dalla madre a vivere recluse nella loro casa. Due mostri sacri come Kathleen Turner e James Woods sono impeccabili nel ruolo della madre inflessibile e del padre svagato e debole. Tra le sorelle spicca l’ammaliante Lux interpretata da una Kirsten Dunst che colpisce al cuore tutti i ragazzi del vicinato e in particolare il belloccio Trip Fontaine, interpretato da un giovane Josh Hartnett con voluminosa capigliatura.

The shot

La lettura del diario di Cecilia apre ai ragazzi una finestra sull’impenetrabile mondo delle sorelle Lisbon.

 

 

 

The quote

“Evidentemente lei, dottore, non è mai stato una ragazzina di tredici anni”

The song

“Playground love” - Air

The detail

Il luccichio nell’occhio di Lux

Lost highway

“Picnic ad Hanging Rock” - Il sogno di un sogno

“Stand by me - Ricordo di un’estate” - Si è giovani una volta sola

“Marie Antoinette” - Le All Star alla corte di Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *