A spasso con Babi Buon viaggio

Helsinki, San Pietroburgo, Mosca: alla scoperta del carattere sovietico

Russia

Una settimana tutta per me e una lista "to do before you die" (tutta viaggi, ammettiamolo), ancora così lunga. Appena avuto il piano ferie sono corsa a casa e via, idee chiare come sempre (solo per quanto riguarda i viaggi, ovvio), subito davanti al pc per prenotare aeree e treni, per lo meno per quanto riguardava la prima parte delle ferie a luglio.

Quest'anno ho salutato le spiagge bianche e il maro azzurro per dedicarmi ad un road trip piuttosto intenso: Finlandia - Russia prima parte, USA seconda! Diciamolo, avevo la curiosità di andare a scoprire principalmente San Pietroburgo e Mosca, da almeno dieci anni e finalmente, la giusta occasione. Ecco a seguire un piccolo programma di viaggio per 7 giorni alla scoperta di tre città dal carattere deciso e tutto scoprire!

Helsinki

HELSINKI

Aereo Milano- Helsinki, bus per l'ostello (con dormitorio misto, per molti ma non per tutti!), un bel pezzettino a piedi, accolta finalmente da circa 15 gradi (in fuga da una delirante e bollente Milano) ed eccomi al mio primo giorno di vacanza nella capitale finlandese. L'accoglienza mi è sembrata molto allegra, sorridente (sarà per la tanta birra sempre presente, ed apprezzatissima?) e con tanta voglia di divertirsi, i locali dove bere ed incontrarsi addobbati dalle classiche lucine che solo al nord sanno utilizzare con la maestria dei designer baltici, carinissimi unitamente al loro inconfondibile stile. Quanto amo il design nordico! Due giorni di camminate intese, ecco cosa vedere:

La Cattedrale luterana e la Piazza del Senato

Bellissima, imponente, domina il quartiere dell'alto, con il bianco che la contraddistingue e la lunga scalinata che conduce ad una delle parti più antiche del centro di Helsinki.

Kamppi Kappel

Cappella del silenzio, che a mio parere andrebbe inserita in ogni città (o azienda): destinata a momenti di raccoglimento o solitudine, sarà anche per la mia passione per il legno, ma l'ho trovata geniale (e molto riposante).

La Chiesa nella roccia

Esternamente quasi non visibile, scavata nella roccia, questa chiesa luterana (si trova a dieci minuti a piedi dal centro e dalla cappella del silenzio) e riserva un grande organo al suo interno.

Arrivato il momento del pranzo io sono tornata in zona porto e sono stata al mercato coperto, Kauppatori, dove, per chi apprezza, hanno pesce fresco, frutta e verdure, insomma un classico mercato molto carino con diversi posticini dove potersi fermare a mangiare tipicità locali. Da lì partono anche tutte le barche per le isole dei dintorni (da fare!). 

Per la sera (anche solo come esperienza) segnalo invece, per chi apprezza il genere, il Kafe Moskva, proprietà del regista Kaurimaski: come trovarsi in uno dei suoi film, atmosfera tipica con un bancone anni '60, è praticamente sempre vuoto e si può entrare anche solo per dare una sbirciata.

Nel pomeriggio sono andata verso quella che non credevo sarebbe stata una delle esperienze più carine: la sauna finlandese! Sarà la classica sauna, mi dicevo... e invece, oltre all'intermezzo del bagno nel ghiacciato baltico (scegliete una sauna sul mare, davvero suggestivo),  quello che mi è piaciuto maggiormente è l'aria di festa e relax che si respira, il godersi il pontile in costume senza soffrire troppo il caldo e poter scambiare due parole con gli amici e naturalmente.. l'immancabile birra! Ecco trovato il vero senso del relax in sauna...

Helsinki
Helsinki
Helsinki
Helsinki

SAN PIETROBURGO

Un treno mattutino, parecchi controlli di passaporto e bagagli, e dopo poche ore eccomi finalmente in terra sovietica. San Pietroburgo è giovane, allegra, è musica, acqua, colori, arte. Ne sono andata via con la promessa di tornarci per un week-end con amici o per festeggiare un compleanno: che accoglienza festosa!

La Cattedrale del Sangue Versato

Incontrata per caso, ho alzato gli occhi e sono stata travolta dalla sua bellezza, dai colori, dallo stile medievale russo. Unica, camminando lungo la prospettiva riuscirete a scorgerla, oppure passeggiando nel parco adiacente.

La Fortezza di San Pietro e Paolo

Posta sull'isoletta situata di fronte all' Ermitage, detta anche isola delle lepri (delle quali purtroppo non vi è più traccia), fu fatta costruire da Pietro il Grande nel 1700; carina da girare con calma, facendo lo slalom tra i sempre tantissimi turisti.

Il Parco di Peterhof e l'Ermitage

Diverse le residenze degli zar infatuati dall'eleganza di questa città e che l'hanno impreziosita con palazzi imponenti e opere d'arte. Allora perdetevi in uno dei musei più visitati al mondo (una giornata non basta!) e il giorno seguente prendete un aliscafo in direzione parco di Peterhof, tra fontane maestose e spaziosi giardini.

Una curiosità per gli amanti dei felini, pare che oggi sia proprio un gruppo di gatti ad essere i primi custodi delle opere all'interno dell'Ermitage.. 

La Prospettiva Nevskij e Il Neva

Dominano la città, direi i miei principali punti di riferimento (scusate il mio assente senso dell'orientamento): passeggiate lungo la Prospettiva a qualsiasi ora, ci sarà sempre qualche gruppo che suona, un battello sul quale saltare sopra e godersi la città dall'acqua, un locale o un negozio moderno dove andare a comprare qualche souvenir locale.

Da assaggiare...

Consiglio di dedicare assolutamente del tempo ad una seria degustazione di vodka, qui è affare serio.. passeggiando nei parchi ci sono molti chioschi che propongono delle specie di crepes (bliny), della birra fermentata e i khachapuri, delle torte salate farcite a scelta. Sul discorso cibo mi piacerebbe poi aprire un post a sè, dettato principalmente dal tempo che ho potuto dedicare a me stessa e ai miei pensieri passeggiando lungo la Neva.

 

San Pietroburgo
San Pietroburgo
San Pietroburgo
San Pietroburgo
San Pietroburgo
San Pietroburgo
San Pietroburgo

MOSCA

Un altro treno super rapido ed eccomi nella capitale, la tanto attesa Mosca. Che carattere, che stile, sono stata attratta e respinta allo stesso tempo, e me ne sono andata con la promessa di tornare, per scoprire ancora e ancora di questa città dove la lingua inglese è ancora molto poco utilizzata e il controllo documenti è all'ordine del giorno. Maestosa moderna, grandiosa, chiusa, prepotente, insolente, affascinante, a primo impatto la definirei così. Io ho avuto la fortuna di scoprirla soggiornando all'interno di uno dei famosi grattacieli e godermi la vita notturna dall'alto del 36esimo piano. Ecco il mio programma per un paio di giorni alla scoperta di Mosca. 

La Piazza Rossa, Il Cremlino, La Chiesa di San Basilio e Il Mausoleo di Lenin

Una piazza che riunisce parte dell'immaginario  turistico riguardo il mondo sovietico, vale la pena trascorrerci almeno un giorno, concludendo il tour ai sontuosi grandi magazzini Gum, facendo shopping di lusso tra ponticelli e fontane di una bellezza sfrontata.

Teatro Bolshoi, Cattedrale di Cristo Salvatore con passeggiata lungo la Moscova

Ho la tendenza a visitare la città praticamente tutta a piedi, cosa che ho fatto anche in questo caso, in particolare sono andata dal Parco Gorky, lungo tutta la Moscova, fino ad arrivare al mio grattacielo, uno degli skyline più belli in assoluto. 

Tour della metropolitana

Conosciuta come uno dei sistemi sotterranei più decorati e curati al mondo, si passa il tempo con il naso all'insù tra vetrate colorate, giochi di luce, lampadari pazzeschi. Le fermate migliori: Belorusskaya, Kievskaya, Mayakovskaya, Novoslobodskaya.

 

Mosca
Mosca
Mosca
Mosca
Mosca
Mosca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *