Ratatouille Silvia Gattinoni, naturopata Special guest

A piedi nudi nel parco- a cura della dott.ssa Silvia Gattinoni

bare feet

Oggi con la nostra naturopata di fiducia Silvia Gattinoni, parliamo di piedini. Sarò di parte perchè è una parte del corpo a cui ho sempre tenuto molto e con il passare degli anni sento sempre più sensibile e importante. Quando stanno bene loro sento un benessere generale, tra pediluvi, pedicure e riflessologia, il mio umore si riflette positivamente di conseguenza! Vi lascio alle preziose parole  di Silvia che condivido pienamente, provate e ne sentirete subito i benefici e in fondo, è necessaria solo qualche piccola attenzione quotidiana. 

bare feet

Eh si oggi i protagonisti sono proprio loro, i piedi! Quanto sono importanti eppure spesso li trattiamo senza cura e non li consideriamo nemmeno. Ci coccoliamo il viso, il corpo e loro li lasciamo per ultimi, proprio loro, il nostro contatto diretto con la terra. E pensare che invece sono una fonte meravigliosa di benessere e di nutrimento... la sensazione dei nostri piedi nudi sull'erba, sulla sabbia, sulla terra umida è un'esperienza che ci nutre energeticamente e profondamente. Passeggiare a piedi nudi scarica le tensioni emotive, pone l'attenzione su una parte che spesso ci dimentichiamo, e ci fa riscoprire la sensazione impagabile di un contatto diretto con la natura.

bare feet

Mentre camminiamo (preferibilmente su un terreno naturale quindi disconnesso) massaggiamo profondamente la pianta dei piedi e di conseguenza stimoliamo punti che, secondo la medicina tradizionale cinese, sono strettamenti connessi a tutto il resto del nostro corpo; camminando a piedi nudi in effetti massaggiamo e stimoliamo tutto l'organismo. Dunque, facciamo attenzione alle nostre radici ambulanti e coccoliamole con dolcezza e attenzione.

barefeet

Ecco qualche consiglio pratico:

1. per riattivare le energie è bene usare una pietra pomice ogni mattina sulla pianta del piede, che elimina la pelle secca e lo strato superficiale di cellule morte, rendendo i piedi più ricettivi

2. la sera, dopo averli costretti tutto il giorno in scarpe isolanti, concediamoci un pediluvio con olio essenziale di lavanda o arancio dolce

3. dopo la doccia o il bagno massaggiamoli (o facciamoceli massaggiare) con un olio vegetale, ad esempio olio di mandorle dolci

4. passeggiamo a piedi nudi nella natura ogni volta che ci è possibile, idealmente la mattina

5. per riequilibrarci energeticamente, un massaggio di riflessologia plantare settimanale per circa 10 settimane può aiutare a sciogliere blocchi energetici ritrovando un profondo benessere.

bare feet
bare feet
bare feet
bare feet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *